Bia Góes, la nuova regina del Forró: “Canto la libertà dei popoli”

Lei è come la immaginavo. Stavolta per l’intervista ho bisogno dell’interprete, anche se qualche parola la capisco, forse perché so lo spagnolo. Ma è un limite alla comunicazione diretta che vorrei non ci fosse e così ho deciso di imparare anche il brasiliano, che ha una sonorità che mi incanta. Stasera, 15 luglio, il Vox Mundi Festival, al teatro all’aperto Le Ferriere di Follonica, ospita Bia Góes, una delle nuove regine del Forró, genere musicale tradizionale tipico del nord est del Brasile. Il Forró è da anni conosciuto e apprezzato in tutto il mondo ed è ovunque sinonimo di ballo, allegria, divertimento. Bia Góes, finalista del Prêmio da Música Brasileira 2014, viene da San Paolo ed è per la prima volta in Italia grazie all’invito di Vox Mundi Festival, diretto da Carla Baldini, che ha organizzato per lei una mini-tournée presentata da Max de Tomassi nella trasmissione radiofonica cult “Brasil” e che ha già fatto tappa con grande successo in alcuni dei festival più importanti e significativi della penisola, come JazzUp (Viterbo), Suoni Mobili (Lecco), “Esterno Notte” (Varese), “Patchwork” (Arzignano), per concludersi proprio a Follonica a Le Ferriere.

Qual è il fascino del Forró?

“È una musica per tutti, come dice il nome stesso che deriva dall’inglese for all, per tutti, appunto. È un ritmo allegro, libero, racconta storie di vita quotidiana, di amori che vanno bene o male, di crescita dell’individuo. Il Forró canta la libertà delle persone e dei popoli di muoversi, di viaggiare e cercare fortuna”.

Come ti stai trovando in Italia?

“Benissimo, è un Paese meraviglioso, costellato di luoghi affascinanti. Il pubblico manifesta il proprio interesse per la musica, talvolta ballando, altre volte cantando. Avverto il suo affetto, il calore”.

Qual è l’emozione più grande in un concerto?

“Quando chiudo gli occhi e sento che non c’è separazione tra me, i musicisti e il pubblico”.

Sei cresciuta in un ambiente familiare di musicisti, in che modo ti ha influenzato?

“Mi ha aiutato ad apprendere e possedere il linguaggio musicale con più fluidità. Mia madre Silvia è stata a lungo la pianista di Toquinho e anche mio padre ha suonato con importanti musicisti”.

Con Ricardo Valverde siete compagni nella vita e nel lavoro. Com’è unire le due sfere?

“È stupendo perché mi sento incentivata e protetta, e cresciamo insieme”.

Bia Góes ha sempre dimostrato una grande versatilità e capacità nell’affrontare i generi tradizionali brasiliani, dal samba al forró. Il suo primo album da solista “Todo Mundo Quer Dancar Baiao” del 2013 l’ha consacrata come una delle rivelazioni più interessanti della musica popolare brasiliana. Compagni di viaggio del Bia Goes tour sono Ricardo Valverde (zabumba e direzione musicale), Pasquale Rimolo (fisarmonica), Paolo Mari (chitarra) e David Domilici (triangolo). Inizio dello spettacolo alle 21.30, biglietti a 10 euro (ridotto sotto i 21 e sopra i 60 anni) e 12 euro (intero), comprensivi di degustazione di vini e prodotti tipici La Selva. I biglietti sono in vendita sul circuito Box Office e dalle 18 al botteghino de Le Ferriere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.