Giusy, una bellezza da David

Il corto “Bellissima” sarà proiettato sabato 20 agosto 2016 al Cassero di Grosseto, alla presenza del regista Capitani

Oblò sulla cultura

È Giusy Lodi l’assoluta protagonista del cortometraggio “Bellissima”, diretto dal regista Alessandro Capitani che ha conquistato il David di Donatello 2016. Ha sedotto i giurati di molti festival in Italia e all’estero, che l’hanno giudicata “miglior attrice”, con il suo viso in lacrime e poi sorridente, la naturalezza del suo confrontarsi con un corteggiatore “bello più di Brad Pitt” alla distanza di sicurezza offerta da un muro di un bagno rifugio.

Giusy interpreta il ruolo di Veronica, una ventenne che si sente imprigionata nel suo corpo obeso. Durante una festa in discoteca subisce lo scherno di un ragazzo, che la prende in giro proprio per il suo aspetto fisico. Disperata, Veronica si nasconde nei bagni della discoteca convinta che fra le mura chiuse di quel posto nessuno possa vederla e giudicarla. Il destino, però, ha in serbo una piacevole sorpresa per lei…

La cerimonia della 60esima edizione…

View original post 727 altre parole

Piovani: “La scoperta di nuove musiche è come certe cotte giovanili”

Musiche di scena per il teatro, composizioni cameristiche, canzoni, musiche di film che sono rimaste sotto la pelle. Come la colonna sonora de "La vita è bella", che gli è valsa l'Oscar. Il maestro Nicola Piovani ha incontrato quasi tutti i maggiori autori del cinema italiano: fra gli altri, i fratelli Taviani, Nanni Moretti, Mario … Continua a leggere Piovani: “La scoperta di nuove musiche è come certe cotte giovanili”

Camilleri presenta il suo erede, Manzini

I loro due ultimi romanzi sono il primo e il secondo in classifica tra i libri più venduti in Italia, "7-7-2007" e "L'altro capo del filo". Appartengono entrambi alla scuderia Sellerio. Il maestro Andrea Camilleri, che da novantenne non ha perso di un grammo fantastica ironia e capacità affabulatoria, e lo scrittore Antonio Manzini ieri … Continua a leggere Camilleri presenta il suo erede, Manzini

L’improvvisazione nel jazz secondo “Cocco” Cantini

L'improvvisazione è l'aspetto peculiare della musica jazz. È strabiliante come in ogni concerto gli stessi brani di partenza possano assumere forme diverse. Variazioni sul tema iniziale che si espande, modifica, si modella seguendo la creatività e la sensibilità dei musicisti che suonano insieme, guardandosi, muovendosi in un tuttuno col proprio strumento e in comunicazione aperta … Continua a leggere L’improvvisazione nel jazz secondo “Cocco” Cantini