“Il sanguinaccio dell’Immacolata”: Torregrossa ci porta nelle contraddizioni di Palermo con la sua vicequestora Marò

Sparì tra le alte piramidi di broccoli, le capannucce di cardi, al di là di una lunga palizzata di carciofi. Fatti pochi passi sconfinò in un dedalo di arance lucide come palle di Natale, mandarini incartati in veline colorate, limoni con la buccia rugosa, mele croccanti dalle sfumature gialle e fucsia, carnosi finocchi dalle tonalità lattescenti… Marò si addentrò tra collinette di lucide olive nere, verdi, marroni che trasudavano umori. Si fermò al centro di una rotonda di frutta secca. Nulla la tentava più di noci, nocciole e datteri imperlati di zucchero…
Il fruttivendolo sul marciapiede la salutò con un sorriso accattivante. Le offrì un mandarino rotondo e compatto. «Tastasse questo» e prima che potesse rispondere l’aveva già sbucciato e posato su un piattino. Marò addentò due spicchi, un succo acidulo e zuccherino le inondò la bocca, nel cuore le passò una fragranza di famiglia.

Alcuni passi tratti dal nuovo e bellissimo romanzo di Giuseppina Torregrossa, “Il sanguinaccio dell’Immacolata”, Mondadori. È il terzo libro con protagonista Marò Pajno, che da commissaria è diventata vicequestora e capo del gruppo antifemminicidio della Mobile di Palermo. Un nuovo caso da risolvere che le impone una importante presa di coscienza della propria vita. La mia recensione al romanzo è sul magazine Uozzart.

Link:

Il sanguinaccio dell’Immacolata di Giuseppina Torregrossa – La recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.